Ricominciamo a pedalare da Venas dove oltrepassiamo un bel ponticello e dopo una brevissima salita e quando la strada spiana possiamo osservare a sinistra, parallela alla ciclabile per un paio di km, la Via Regia strada romana che collegava nell’antichità la pianura veneta con il Tirolo.
Arriviamo velocemente a Peaio dove lasciamo la ciclabile per andare a vedere con un paio di km il paese di Vinigo. Terrazza delle Dolomiti, Vinigo è uno dei più antichi insediamenti del Cadore.

Torniamo sulla Ciclabile ed in breve arriviamo a Vodo di Cadore. Da qui, con molta fatica causa pendenze eccessive, saliamo al Rifugio Talamini per poi arrivare, attraversato un divertente pianoro, a Zoppè di Cadore che è il più piccolo ed il più alto Comune del Cadore.
Da Zoppè si può raggiungere in mountain-bike il Rifugio Venezia a quota 1.950 mt con vista impressionante sul Monte Pelmo.

Variante: salendo da Vodo al Talamini, prima di metà tragitto, prendiamo una stradina a destra che ci porta alla Malga Ciauta con bellissima vista sull’ Antelao e sul Sorapiss.